A Fortezza da Basso, si è concluso il 37° International No Dig Florence 2019, evento dedicato alle trenchless technology organizzato dalla Italian Association for Trenchless Technology IATT e promosso dall’associazione mondiale di riferimento, ISTT (International Society for Trenchless Technology).

Molte le sessioni scientifiche e le mostre tecnologiche che han messo in evidenza il ruolo sempre più strategico delle tecnologie trenchless come motore per la crescita infrastrutturale dei Paesi.

La Festa S.p.A. presente allo stand n.90 del Padiglione Spadolini, ha pubblicizzato i lavori finora svolti, le tecnologie utilizzate ed in particolare i servizi tecnici e tecnologici messi a disposizione di pubblici e privati per operare nell’ampio campo delle tecnologie trenchless.

Numerosi gli intervenuti all’evento nella bellissima Firenze, città storicamente dell’innovazione come ha sottolineato il sindaco Nardella nel suo intervento inaugurale. Il Presidente IATT Trombetti ha lanciato l’allarme ambientale, informando che nel 2019, già il 29 luglio è stato raggiunto l’Earth Overshoot day ovvero il giorno dell’anno in cui l’umanità ha consumato le risorse primarie che la natura produce in un anno (fonte Global Footprint Network).

Le tecnologie No Dig pertanto aiutano a tutelare l’ambiente rappresentando una valida alternativa alle tecniche di scavo tradizionale sia in ambito urbano (presenza di vincoli storici, di numerosi sottoservizi esistenti) consentendo di intervenire recando un limitato disturbo alle attività economiche, di residenza e di svago, che in ambito extra-urbano apprezzabili in presenza di attraversamenti ferroviari e viari, fiumi e corsi d’acqua, vincoli naturali e paesaggistici.

Prossimo appuntamento International No Dig 2020 a Kuala Lampur, Malesia.

Inserito il 11 Ottobre 2019